Marchio: come ci si entra

Si può essere ammessi alla Massoneria del Marchio e ai suoi side degrees se si è Maestri di un Ordine Massonico regolare, riconosciuto dall’UGLE per via diretta (GLRI) o indiretta (GOI).

In Inghilterra, a differenza di quanto avviene nelle Massonerie scozzesi/latine, i corpi rituali non sono direttamente collegati agli Ordini, ma sono strutturati come organizzazioni massoniche indipendenti, con le quali ufficialmente la Gran Loggia Unita d’Inghilterra (UGLE) non intrattiene alcuna relazione (la sola eccezione a questa regola è l’Arco Reale).

E’ tollerato tuttavia, anzi in pratica favorito, il fenomeno per cui i Fratelli, dopo aver completato il cursus honorum offerto dall’UGLE (i tre gradi azzurri, il grado di Maestro Venerabile Installato e l’Arco Reale) aderiscano ai corpi rituali da cui si sentono attratti (ne esistono almeno una dozzina). Queste organizzazioni, molto ricche di fascino e insegnamenti, sono anche considerate un ottimo strumento per propagandare la concezione britannica della Massoneria.

E’ bene precisare che quando parliamo di “corpi rituali” diciamo, in realtà, una cosa inesatta : usiamo questa espressione italiana perché si comprenda che sono sistemi di perfezionamento del grado di Maestro, ma in Inghilterra, questi perfezionamenti sono di fatto organizzati come Ordini.

Volendo limitarci a quelli accessibili da parte dei Fratelli italiani, il primo Ordine è la Massoneria del Marchio, della quale fa parte anche il Royal Ark Mariner ; poi c’è l’Ordine del Secret Monitor, al quale è collegato l’Ordine della Corda Scarlatta, che il Fratello Giovanni Domma sta attualmente cercando di introdurre in Italia, l’unica via per accedervi  è l’obligarietà di essere un principe dei Monitori Secreti.

Il grado del CORK è usato dalla massoneria del Marchio per attirare delle benevolenze e da tutti i vari riti massonici che lo conferivano dopo le loro agape